logo

Il cashmere

Il Cashmere  è una Fibra Pregiata con una lunga storia che parte fin dai tempi dei Romani. La capra Hircus vive negli altopiani del Tibet fino a 6.000 metri di altitudine (il Kashmir da cui prende il nome la fibra), ma è diffusa anche in Mongolia. I forti sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte favoriscono lo sviluppo del Duvet, la sua peluria più sottile, che viene filata per ottenere il Cashmere, una pregiatissima fibra tessile con un potere isolante 10 volte quello della lana. La percezione che si ha al tatto è setosa, vellutata e dà una sensazione di comfort e morbidezza che appaga gli occhi e accarezza la pelle. Il Cashmere Light presenta le stesse caratteristiche del Cashmere classico, ma ha la peculiarità di essere estremamente fine e leggero, tanto da essere indossato anche nei mesi più caldi.

Qualche numero

300 grammi: la quantità di cashmere fornito da una capra in un anno

300 grammi: la quantità di cashmere necessario per fare un paricollo basico da uomo

6,5 Km: è la lunghezza del filo necessario per fare una maglia

104 milioni: le capre che vengono allegate in tutto il mondo; di cui 75 milioni in Cina, 15 milioni in Iran, 9 milioni in Mongolia e 9 milioni nel resto del mondo.

Cashmere Care

Preziosi consigli per mantenere nel tempo le caratteristiche originali dei tuoi capi.

Il Cashmere non teme l’acqua tiepida…anzi, un lavaggio a mano, restituirà ai vostri capi la loro freschezza senza alterarne la morbidezza.

Come mantenere nel tempo le caratteristiche originali dei tuoi capi? 5 consigli, un unico amore:

1. Non portate la vostra maglia per più di 1/2 giorni di seguito, per lasciar riposare la fibra, materia viva e naturale. Dopo averla usata una giornata intera farla riposare in piano.

2. Lava i tuoi capi a mano con sapone neutro delicato. Rovesciali prima di metterli in ammollo in acqua fredda o tiepida (massimo 30°). Usa molta acqua per il risciacquo e tampona i capi con un asciugamano asciutto, senza torcerli;

3. Stendili su un piano in un luogo ben areato e lontano da fonti di calore. Attenzione: la luce diretta del sole li danneggia. Assolutamente mai appenderli!

4. Una volta asciutta, (se necessario) stirare la maglia al rovescio, con ferro tiepido (usando il programma per lana) ed interponendo un telo umido.

5. Tieni sempre nell'armadio un buon antitarme, appeso e senza contatto diretto con i capi e per rimuovere l’eventuale effetto peeling, basterà utilizzare un apposito pettine.